Borghi magazine ~ Alla scoperta dei tesori e delle eccellenze italiane

© 2018 - Tutti diritti riservati

Borghi digitali con Open Fiber

Borghi digitali con Open Fiber

L’acronimo del futuro è FTTH - Fiber To The Home – che, tradotto, significa “fibra fino a casa”. Uno scenario che prevede la banda ultra larga in fibra ottica dalla centrale all’abitazione del cliente per l’intera tratta e con il massimo delle performance: la velocità, infatti, è fino a un gigabit al secondo.

Oltre che nelle grandi metropoli, Open Fiber sta portando la banda ultra larga dove nessun operatore di telecomunicazioni privato ha dichiarato di voler investire. Il piano di Open Fiber è nato proprio per colmare il divario tra le aree connesse e quelle più difficilmente raggiungibili. La rete che collegherà i borghi verrà realizzata con tecnologia FTTH e FWA - Fixed Wireless Access - attraverso la partecipazione alle gare pubbliche gestite da Infratel, che manterrà la proprietà della rete, affidandola in concessione a Open Fiber per 20 anni. Maggiore efficienza e affidabilità insieme a performance elevate sono le parole-chiave di Open Fiber che cablerà oltre 7.000 comuni in tutto il Paese.

Sempre più connessi
Innumerevoli i vantaggi che Open Fiber porta al turismo italiano, soprattutto ai borghi, che grazie a questa connessione in fibra potranno finalmente essere competitivi in tutti gli ambiti. Ecco un tris d’assi di esempi fra i borghi che hanno scelto Open Fiber: Arquà Petrarca, Anghiari e Floresta, incastonati rispettivamente nel nord, nel centro e nel sud Italia.

Arquà Petrarca

Arquà Petrarca - in provincia di Padova – è un borgo-gioiello medievale alle pendici del Monte Piccolo e del Monte Ventolone, nello scenario dei Colli Euganei. Fra gli edifici comunali che Open Fiber collegherà alla banda ultra larga, oltre al municipio e alle scuole per l’infanzia ed elementare, figurano anche la casa del Petrarca – la casa museo del poeta - e la Fondazione Musicale Masiero e Centamin. Entro il mese di maggio del 2019, ad Arquà Petrarca verrà realizzata una nuova infrastruttura di 19 chilometri che cablerà circa 1.200 unità immobiliari.

Anghiari

Al centro dell’Italia ecco Anghiari, in provincia di Arezzo e nella Valtiberina Toscana. E’ uno dei borghi più belli d’Italia, con una forte vocazione turistica dovuta al centro medievale perfettamente conservato. Il suo nome è legato alla celebre battaglia di Anghiari, dipinta da Leonardo Da Vinci, e alla tradizione del restauro del mobile antico. E’ prevista la posa di 64 chilometri di fibra Open Fiber e fra le 3.317 unità immobiliari da cablare, sono annoverate la sede comunale, le scuole elementari e i siti di interesse storico e amministrativo.

Floresta

Fra le gemme del sud Italia ecco Floresta, in provincia di Messina, il borgo più alto dell’intera Sicilia grazie ai suoi 1.275 metri di altitudine, un microcosmo d’arte e di storia, con soli 450 abitanti nel cuore del Parco dei Nebrodi. A Floresta la rete di Open Fiber, proporzionata alle dimensioni del borgo, è già stata completata, e ha raggiunto 141 unità immobiliari. Un esempio-guida, il borgo di Floresta, oggi baluardo di connettività e futuro, un tempo ricoperto da una fitta foresta, dalla quale i Romani attingevano per la costruzione delle loro navi. Oggi con Open Fiber si costruisce il domani.

By Redazione
Luciana Francesca Rebonato
ALTRE IN NEWS :