Borghi magazine ~ Alla scoperta dei tesori e delle eccellenze italiane

© 2018 - Tutti diritti riservati

Piazze da applauso. L'editoriale del numero di giugno di Borghi Magazine

Piazze  da applauso. L'editoriale del numero di giugno di Borghi Magazine
Scopri San Benedetto Po

Il libro che proponiamo alla vostra lettura in questo numero della rivista, L’ordine del tempo di Carlo Rovelli, parla del tempo mettendo in discussione molte delle nostre credenze, come quella che il tempo scorra uniformemente dappertutto. In realtà, non c’è spazio, non c’è tempo, non c’è distinzione tra passato e futuro, tra memoria e speranza. Visto con gli occhi di uno scienziato, di un fisico che lavora sulla gravità quantistica, il mondo appare “di una bellezza arida, tersa e inquietante”. Non c’è durata, non c’è salvezza e la paura della morte è solo un incidente dell’evoluzione. La nostra visione della realtà assomiglia a un delirio collettivo: abbiamo dato organizzazione a un mondo che non è quello che sembra, perché il nostro sguardo su di esso è miope. La vera realtà sono le nostre emozioni, quello che sentiamo, gridiamo, proviamo, amiamo. Tra il canto e il grido passa la nostra vita, e che sia un canto, più che un grido, che sia bellezza, che sia amore, è quanto possiamo augurarci. È ciò a cui dobbiamo tendere.

E allora, che il canto si apra nelle nostre meravigliose piazze, quando arriva l’estate e si comincia a vivere all’aperto, vestiti leggeri come i pensieri, che si fanno più lievi.  Vi portiamo nelle piazze dei borghi, perché è nella costruzione della piazza che il genio italico ha dato il meglio di sé, come sostengono gli storici dell’arte. Piazza Silvestri a Bevagna, piazza del Popolo a Offida, piazza del Campo a Santa Severina o piazza Bentivoglio a Gualtieri: entrare in questi slarghi ricavati tra le case, è come entrare in un teatro, salire sul palcoscenico e prendere un applauso. Perché sono da applauso queste piazze: sono dei salotti all’aperto, su cui si affacciano le architetture più belle della città o del borgo. Spesso circondate da portici, non hanno perso la funzione di agorà: restano luogo di mercato, di festa, di giochi, di scambio di idee e di chiacchiere.

Non di rado al centro della piazza c’è la fontana, come a Bevagna e a Montefalco. La fontana richiama il fluire della vita, che sciama nei bar e nei negozi vicini, nelle stradine che conducono al cuore della città. L’acqua ha fatto da filo conduttore per gli altri servizi del numero di giugno: il Festival di acqua e luce di Bressanone; la Costiera amalfitana in bicicletta; e il viaggio compiuto nelle terre d’acqua del Friuli Venezia Giulia, da Fagagna, il paese delle cicogne, a Muggia, passando per Grado e Duino. Tra lagune e isolotti, riserve naturali e foci, e architetture d’impronta veneziana, abbiamo scoperto una regione affascinante. Un antico desiderio di navigazione ci ha infine portato in Cornovaglia, tra contrabbandieri e lupi di mare, in due borghi – Polperro e Looe – che nulla hanno da invidiare ai nostri.

Scopri il sommario e l'anteprima, e acquista questo numero.

ALTRE IN NEWS :