Borghi magazine ~ Alla scoperta dei tesori e delle eccellenze italiane

© 2017 - Tutti diritti riservati
Questo sito utilizza cookie. Cliccando su o proseguendo nella navigazione o effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Viaggio nella Sardegna più aspra e selvaggia: la Barbagia

Viaggio nella Sardegna più aspra e selvaggia: la Barbagia
Scopri Atzara

Pensando alla Sardegna balenano davanti ai nostri occhi immagini blu e e spensierate legate all’estate, all’acqua cristallina, ai tramonti arrossati di fine agosto. Viaggiare e conoscere davvero quest’isola unica però significa anche conoscerne le sfumature più austere, i territori dell’entroterra meno battuti, privati e selvaggi che conservano una delle anime più antiche dell’isola: quella più riservata, dura e di una bellezza commovente.

Oggi vi portiamo in Barbagia, terra di tradizioni millenarie che sorge tra Nuoro e la neonata provincia dell’ Ogliastra.

COSA VEDERE 

Un suono evocativo e denso di significato: Barbagia deve il suo nome ai romani, che la chiamarono Barbaria perché difficile da conquistare ma ospitale e ricca di bellezze tutte da scoprire.

Verso est troviamo il Supramonte Ogliastrino, un altopiano calcareo dominato dal Monte Corrasi (1.463 m) che si estende nei territori dell'Oliena, Orgosolo, Dorgali, Bunei e Urzulei, splendido dal punto di vista naturale e paesaggistico. Questo territorio è diviso naturalmente da due valli profonde e frastagliate, dette codule, che sfociano nel mare scavandosi un varco tra le pareti calcaree del litorale: il risultato è uno spettacolare paesaggio caratterizzato da gole, rupi e falesie. 

Dopo aver fatto il pieno i meraviglie naturali, spostiamo la nostra attenzione all’operato umano: da queste parti si trovano delle tipiche abitazioni rurali in pietra, le caratteristiche cortes, e le botteghe artigiane. L’artigianato è un’attività estremamente fiorente in Barbagia, specialmente nei paesi di Belvì e Aritzo, famosi per le cassapanche intagliate e la falegnameria in generale; la pelletteria è il settore principe di Dorgali mentre Oliena è nota per la sartoria; le più pregiate pentole e tegami in rame vengono invece dalla Barbagia di Seulo

 La Barbagia è un tesoro da scoprire in ogni momento dell'anno, ma l'autunno le dona particolarmente. Non ci credete? Non vi resta che partecipare ad Autunno in Barbagia 2017 , una festa che è diventata ormai vera e propria istituzione e che si tiene ogni anno da settembre a dicembre, coinvolgendo numerosi paesi della zona. Vengono organizzati molti eventi e spettacoli nelle caratteristiche cortes, nelle botteghe artigiane e nelle cantine. 

ALTRE IN NEWS :
"Andar per borghi" è un piacere. Prova!