Borghi magazine ~ Alla scoperta dei tesori e delle eccellenze italiane

© 2017 - Tutti diritti riservati
Questo sito utilizza cookie. Cliccando su o proseguendo nella navigazione o effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Giornata Mondiale dell’alimentazione:  migrazioni e sostenibilità le tematiche 2017

Giornata Mondiale dell’alimentazione:  migrazioni e sostenibilità le tematiche 2017

16 ottobre, giornata mondiale dell’alimentazione. Questo importante appuntamento nasce per commemorare la nascita della Fondazione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, la FAO,  nel 1945. L’obiettivo di questa ricorrenza è quello di sensibilizzare e mobilitare l’opinione pubblica a sostegno di chi soffre la fame, e di garantire sicurezza alimentare e diete nutrienti per tutti. Ogni anno la tematica è differente: quest’anno il titolo è il seguente: “Cambiamo il futuro delle migrazioni. Investiamo nella sicurezza alimentare e nello sviluppo rurale.”

L’attenzione è rivolta quindi al fenomeno dei movimenti migratori, dovuti a squilibri politici e ambientali, e alla ricerca sempre più urgente di un’ecosostenibilità e una crescita sostanziale della produzione alimentare.

Considerando il tasso attuale di crescita della popolazione mondiale, si prevede infatti che entro il 2050 la produzione di alimentare dovrà aumentare del 60% per garantire nutrimento ad ognuno. L’agricoltura infatti è tra i settori economici che risente maggiormente dei cambiamenti climatici.

Per quanto riguarda il nostro Paese, verranno messe in atto delle iniziative per contrastare gli sprechi e promuovere uno stile di vita più sano e sostenibile. Una politica fiscale è stata pensata appositamente per i prodotti meno sostenibili a livello ambientale, che potrebbe ridurre del 19% in Italia le emissioni derivanti dai processi di produzione e consumo agro-alimentare, senza pesare sulle tasche dei consumatori. Aiutandoli invece ad orientarsi verso scelte alimentari più salutari. È quanto è emerso dal progetto di ricerca europeo Susdiet - Understanding consumer behaviour to encourage a (more) sustainable food choice - appena concluso, che ha coinvolto studiosi di 9 Paesi e di aree disciplinari diverse.

La dieta mediterranea, basata principalmente sull’agricoltura stagionale e grande varietà di materie prime, rappresenta come sempre un ottimo stile di vita. Giusto bilanciamento dei tre macrogruppi alimentari, carboidrati, vegetali e proteine, diversificazione delle varietà di materie prime e molti prodotti italiani DOP e DOC, IGP e STG.

ALTRE IN NEWS :
"Andar per borghi" è un piacere. Prova!