Borghi magazine ~ Alla scoperta dei tesori e delle eccellenze italiane

© 2018 - Tutti diritti riservati

Per il sorriso dei bambini

Per il sorriso dei bambini

Nel 1939 Antonio Rubino, tra i fondatori del Corriere dei Piccoli, decora Sala Alba in Villa Gonzaga a Olgiate Olona, in provincia di Varese. Per strappare un sorriso ai bimbi del preventorio antitubercolare infantile, costretti a un soggiorno lontano da casa.

C’è un posto, in valle Olona, dove il fiume porta con sé un soffio di fantasia. Nel cuore della valle, in provincia di Varese, il piccolo centro di Olgiate Olona custodisce un tesoro per fanciulli di ogni età: un ciclo di dipinti realizzati a tempera da Antonio Rubino nel 1939. Rubino è stato tra i fondatori nel 1908 del Corriere dei Piccoli, settimanale su cui ha disegnato per gran parte della carriera; è lui il papà di numerosi protagonisti delle storie che hanno alimentato per oltre ottant’anni la fantasia dei piccoli lettori. È stato anche direttore di Topolino e di Paperino, illustratore pubblicitario e decoratore di interni, di camerette per bambini e del refettorio di Villa Gonzaga a Olgiate Olona.

Qui una famiglia di benefattori, i Cavalli, chiamò il disegnatore a decorare una mensa per i bambini ospiti dell’Opai (Opera prevenzione antitubercolare infantile). Numerose suore accudivano i piccini facendoli studiare, giocare nel parco della villa neoclassica e mangiare saporite pietanze. Per allietare il loro soggiorno lontano dagli affetti familiari, e rendere più piacevoli il pranzo e la cena, Rubino popolò le pareti del refettorio dei personaggi delle fiabe più note insieme ad altri di fantasia. In ciascuno di questi ogni bambino poteva trovare il suo preferito, il fedele compagno che lo aspettava e gli sorrideva sulla parete. Ecco dunque il lupo che invece di far paura chiede con timidezza a Cappuccetto Rosso un tozzo di pane. Ecco il dragone verde che si preoccupa di cuocere, con una fiammata, le caldarroste al cavaliere con cui non ha alcuna intenzione di combattere. E poi, giocattoli che prendono vita per divertirsi, un bizzarro giro del mondo guidato da un negretto con la bombetta e il suo serpente, un esquimese con il gelato, fiori colorati, oggetti con sembianze umane. Gli unici poco allegri, in questo universo infantile, sembrano i bambini vestiti da balilla e le bambine vestite da piccole italiane: una rappresentazione verosimilmente legata al periodo, il fascismo, sul quale Rubino ha lasciato, con un segno, la sua opinione.

Oggi il ciclo di tempere di Villa Gonzaga è tornato a splendere grazie al recupero voluto dall’amministrazione comunale e alla passione dell’architetto Paolo Maccabei, che in questi anni ha organizzato conferenze e visite guidate all’interno della Sala Alba.


Locus Solus significa "luogo solitario", sconosciuto ai più, fuori dalle rotte e dalle mappe. Questa rubrica da voce agli amanti dei borghi, infatti qui i "giornalisti" siete voi lettori. Se ne avete uno da segnalarci, inviate un testo di 1500/2000 battute e alcune foto a locussolus@borghimagazine.it. Per saperne di più, leggete qui.

Foto

Villa Gonzaga - Olgiate Olona
Alessandra Sgueglia
Villa Gonzaga - Olgiate Olona
Alessandra Sgueglia
Villa Gonzaga - Olgiate Olona
Alessandra Sgueglia
Villa Gonzaga - Olgiate Olona
Alessandra Sgueglia
Villa Gonzaga - Olgiate Olona
Alessandra Sgueglia
Villa Gonzaga - Olgiate Olona
Alessandra Sgueglia
Villa Gonzaga - Olgiate Olona
Alessandra Sgueglia
Villa Gonzaga - Olgiate Olona
Alessandra Sgueglia
Villa Gonzaga - Olgiate Olona
Alessandra Sgueglia
Villa Gonzaga - Olgiate Olona
Alessandra Sgueglia
ALTRE IN LOCUS SOLUS :