Borghi magazine ~ Alla scoperta dei tesori e delle eccellenze italiane

© 2017 - Tutti diritti riservati
Questo sito utilizza cookie. Cliccando su o proseguendo nella navigazione o effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Tesori dell’Oltrepò Pavese: il passo del Penice in moto

Tesori dell’Oltrepò Pavese: il passo del Penice in moto
Scopri Bobbio

L’Oltrepò Pavese, conosciuto anche come “Vecchio Piemonte” è una terra ricca di tesori: paesaggi unici, dalle tinte tenui e vagamente malinconiche, piccoli borghi medievali, prodotti della terra preziosi e rari. La stagione autunnale offre prodotti rari e preziosi, come i funghi, tartufi e ovviamente il vino, entrato a far parte dell’eccellenza italiana. Solamente ai vini migliori è infatti riservata la denominazione Oltrepò Pavese DOC. Nel numero di ottobre Borghi Magazine ci parla dei tesori racchiusi nell’Oltrepò Pavese, quelli nati dalla terra, delle mani dell’uomo e dalla storia, con un approfondimento sui borghi di Varzi, Zavattarello e Fortunago.

Seguiamo quindi l’ideale fil rouge che lega questo mese d’Ottobre all’Oltrepò, e perdiamoci in un itinerario immerso nel verde dedicato ai motociclisti, che dal borgo di Varzi ci porterà alla scoperta del Monte Penice, nel comune di Bobbio.

IL CASTELLO DI ORAMALA

 Il Passo del Penice (1.149 m), è un valico dell’Appennino Ligure in provincia di Piacenza, nel Comune di Bobbio. Il tragitto dedicato agli amanti della velocità su due ruote e della natura comincia a Varzi, antico borgo incastonato nella Valle Staffora e nel cuore dell’Oltrepò pavese. Nei pressi di Varzi, a pochi minuti di strada, si trova il Castello di Oramala, castello del X secolo fatto fatto edificaredalla famiglia Malaspina, nel 1029 possesso del ramo Obertengo. Oggi il castello è sede dell'Associazione Culturale Spino Fiorito ed è circondato dal Parco Letterario “Dante e i Trovatori nelle terre dei Malaspina”.

SANTUARIO DI SANTA MARIA IN MONTE PENICE

Dopo questa breve deviazione torniamo verso il bivio dei tre passi, imboccando, dopo una salita di stretti tornanti, la strada per il Passo del Penice; la strada si spiana e si percorre un tratto fra alti pini che fa quasi pensare di essere sulle Alpi, piuttosto che sull’Appennino. La nostra prossima meta sarà Bobbio: prima però ci scendiamo, imboccando una stradina che dopo pochi chilometri ci conduce al Santuario di Santa Maria in Monte Penice, sulla vetta del monte Penice a 1.460 m. di altezza. Questa seconda deviazione ci permette di cogliere qualcosa in più sulla spiritualità degli abitanti del luogo: la seconda domenica di settembre infatti, in questo luogo si tiene puntualmente la Festa del Penice, che prevede l’usanza di pranzare sui prati attorno al Santuario, meta di pellegrinaggi ed escursioni a piedi o a cavallo.

LE VIE DELLA FEDE IN LOMBARDIA

Un cartello ricorda che ci troviamo lungo le vie della fede in Lombardia: un punto di confine, in cui il Comune di Bobbio (provincia di Piacenza e Regione Emilia Romagna) confina con quello di Menconico ( provincia di Pavia e regione Lombardia).

Il nostro itinerario alla scoperta di questi incredibile territori si conclude percorrendo l’antico sentiero chiamato “Sentiero medioevale per il Santuario del Monte Penice” che da Bobbio sale fino al santuario. Un giro intorno alla costruzione sacra consente di godere di un panorama eccezionale, che spazia dall’alta Val Tidone alle colline dell’Oltrepò, dalla pianura padana alle Alpi Centrali. 

 

INFO

Come arrivare al Passo del Penice

In treno
Fermata di Piacenza

In Bus
L’area non è servita da autobus

In Autostrada da Piacenza
Autostrada A1, uscita Piacenza sud, prendere la tangenziale est e proseguire in direzione stadio fino ad immettersi sulla SS 45 per Genova. Una volta arrivati a Bobbio prendere la SS 461 e proseguire in direzione Passo del Penice per 12 km. Parcheggio auto moto e autobus a pochi metri.

Strada panoramica
Uscita autostrada A7 a Tortona, prendere in direzione San Sebastiano, una volta giunti al paese, prendere in direzione di Varzi, e da qui proseguire per i tre passi: Bralo, Penice e Giovà.

ALTRE IN ITINERARI :
"Andar per borghi" è un piacere. Prova!