Borghi magazine ~ Alla scoperta dei tesori e delle eccellenze italiane

© 2017 - Tutti diritti riservati
Questo sito utilizza cookie. Cliccando su o proseguendo nella navigazione o effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Ricetta: Chifel di Muggia (Trieste)

Ricetta: Chifel di Muggia (Trieste)
Scopri Muggia - Muglae

I chifel o chifeletti sono un piatto originario del Friuli Venezia Giulia, in particolar modo della zona di Trieste a base di pasta di patate, farina, burro e uova. Una volta fritti in abbondante olio, sono ottimi da gustare come primo piatto o come contorno.
Il loro nome deriva dalla parola Kipfel che in tedesco significa lunetta, cornetto e sta a ricordare proprio la classica forma a mezza luna di questa specialità della città del giglio alabardato.

Noi di Borghi Magazine, però, vogliamo farvi conoscere le mezzelune triestine nella loro versione dolce ed è per questo motivo che vi presentiamo la ricetta dei Chifel di Muggia, il borgo marinaro che sorge su un promontorio del golfo di Trieste, dalle cui sponde si può godere di uno spettacolare tramonto sul mare.

Il segreto per preparare dei buonissimi Chifel è rispettare i tempi di lievitazione e, anche se vi toccherà aspettare tutta la notte perché l’impasto cresca a dovere, non rimarrete delusi quando, una volta pronte, le mezzelune diffonderanno il loro profumo per tutta la casa e vi regaleranno un dolce risveglio…anzi dolcissimo!

Ingredienti

    • 300 gr di farina di frumento
    • 150 gr di burro
    • 20 gr di lievito di birra
    • 3 uova intere
    • 1 tuorlo
    • Scorza di ½ limone
    • 5 gr di sale
    • Confettura di albicocche o pesche q.b.

        Procedimento

        Iniziamo con il preparare un panetto che, una volta lievitato, darà vita alle nostre brioches. Sciogliete il lievito di birra nel latte tiepido, dopodiché impastatelo insieme a 100gr di farina. Incidete il composto in superficie con due tagli a croce, avvolgetelo in un canovaccio e lasciatelo riposare per circa un’ora.

        Mentre il panetto lievita, impastate i restanti 200gr di farina con tre uova intere, un tuorlo, lo zucchero, il sale e la scorza grattugiata del limone. Se l’impasto risulta troppo duro potete ammorbidirlo con un po’ di latte. Incorporate poi il burro ed il panetto, che nel frattempo avrà raddoppiato il suo volume. Lavorate l’impasto a lungo con le mani fino a farlo diventare una palla morbida ed elastica e lasciate riposare per un paio d’ore.
        In seguito, riprendete in mano l’impasto, lavoratelo ancora per una decina di minuti e poi lasciatelo riposare tutta la notte.

        Il mattino dopo stendete la pasta con il matterello fino ad ottenere uno strato uniforme di circa mezzo centimetro. Ricavate dei triangoli con i lati di circa dieci centimetri e disponetevi al centro un cucchiaio di confettura di pesche o albicocche piuttosto densa, poi chiudeteli arrotolandoli e dando loro la forma di mezzaluna.
        Se volete rendere questa ricetta ancora più golosa, potete farcire i chifel con la crema pasticcera.

         

        ...buon appetito!

        ALTRE IN IN TAVOLA :
        "Andar per borghi" è un piacere. Prova!