Borghi magazine ~ Alla scoperta dei tesori e delle eccellenze italiane

© 2017 - Tutti diritti riservati
Questo sito utilizza cookie. Cliccando su o proseguendo nella navigazione o effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Nordic walking, che passione! Tutti i segreti della pratica sportiva dei grandi camminatori

Nordic walking, che passione! Tutti i segreti della pratica sportiva dei grandi camminatori

E’ possibile praticare sport nei borghi? Assolutamente sì, e il Nordic Walking lo dimostra. La celebre pratica sportiva è nata in nord Europa, e sta conquistando con grande velocità anche il nostro Paese. Non è affatto raro incontrare entusiasti nordic walkers tra le stradine dei nostri borghi, determinati ad affrontare con slancio ogni curva, discesa e salita.
Conosciamo da vicino questa pratica salutare, alla portata di tutti e ancora da esplorare:

CHE COS’E’

La Nordic Walking non è altro che una camminata naturale alla quale viene aggiunto l’utilizzo funzionale di due bastoncini per apportare tutta una serie di benefici. Attraverso l’utilizzo dei bastoncini si esercita una spinta in grado di coinvolgere il maggior numero di muscoli possibile, aumentando il dispendio energetico e favorendo un esercizio benefico a livello cardiocircolatorio.

Certamente la tecnica impiegata svolge una funzione centrale, come nel caso del passo alternato, per esempio: l’alternanza dei movimenti di braccio e gamba opposti, se fatto correttamente, diventa un tutt’uno con la mente portando enormi benefici  fisici e mentali.

LA STORIA:

1930 La pratica del Nordic Walking nasce come forma di allenamento preparatorio allo sci di fondo, praticato dagli sportivi scandinavi nella stagione primaverile ed estiva.

1980 Il Nordic Walking viene rispolverato dall’ex runner americano Tom Rutlin, che in seguito ad un infortunio sente l’esigenza di creare un training leggero sulle articolazioni e non impattante a livello muscolare. Tom chiamò il suo metodo ExerStriding (Esercizio con passo lungo)

2007 viene scritto e pubblicato in Italia il primo libro sulla tecnica “Nordic Walking – Camminare con i bastoncini” scritto dall’istruttore nazionale Pino Dellasega – Casa editrice  Valentina Trentini di Trento.

BENEFICI

  • Migliora il tono dell’umore perché il nostro corpo libera delle sostanze, le endorfine e le serotonine, capaci di contrastare l’ansia e la depressione
  • Si armonizza il battito del cuore che, come sappiamo, nei momenti di stress tende ad accelerare, causando ansie e paure
  • Con i miglioramenti fisici del corpo, la mente tende ad allontanare i problemi rendendoli meno assillanti e, allo stesso tempo, tende a vedere con maggiore tranquillità le preoccupazioni di tutti i giorni in modo da poterle affrontare serenamente
  • Si regolarizza il respiro
  • Si scaricano le tensioni muscolari accumulate senza il rischio di strappi o stiramenti
  • Permette un consumo energetico superiore del 20 – 30% rispetto al walking senza bastoncini
  • Si ottiene un coinvolgimento di circa il 90% della nostra muscolatura  (oltre 600 muscoli)
  • Mantiene in esercizio quattro delle cinque forme principali di sollecitazione motoria: resistenza, forza, mobilità, coordinazione
  • Scioglie le contrazioni nella zona delle spalle e della nuca (zona cervicale)
  • Ritarda il processo di invecchiamento
  • Stimola l’eliminazione degli ormoni originati dallo stress

ABBIGLIAMENTO

L’abbigliamento deve essere quello classicamente impiegato per una lunga passeggiata. Scarpe da walking o da trekking, a seconda del percorso, pantaloni comodi e pratici, t-shirt traspirante. Indispensabile la giusta scelta di guantini e delle racchette, da fare tenendo in considerazione la proporzione tra l’asta, l’impugnatura-lacciolo e il puntale.

DOVE SI PRATICA

Come già accennato, il Nordic Walking si può praticare ovunque: sui sentieri di montagna, in città e.. ovviamente nei borghi!

UNA PRATICA ADATTA A TUTTI

La Nordic Walking è una pratica sportiva adatta a tutti: dai bambini ai soggetti più anziani. La differenza infatti la fa il tipo di percorso scelto e il ritmo che si vuole sostenere: basterà calibrare sulle proprie capacità e i propri obiettivi in termini di salute e forma fisica da raggiungere.

ALTRE IN CURIOSITà :
"Andar per borghi" è un piacere. Prova!