Borghi magazine ~ Alla scoperta dei tesori e delle eccellenze italiane

© 2018 - Tutti diritti riservati

Poggio Torriana

Poggio Torriana

Uno sguardo a Poggio Torriana

Torriana

Castello di Scorticata a Torriana

Poggio Torriana

Poggio Torriana, la Torre Quadrata

Poggio Torriana

Castello di Montebello

Poggio Berni

Poggio Berni, Veduta su Palazzo Marcosanti

Poggio Torriana

Poggio Berni, Parco delle Cave

Poggio Torriana, Montebello

Poggio Torriana, l'Albero dell'Acqua

Poggio Torriana

Poggio Torriana, la piadina

Poggio Torriana, i Sabadoni

Poggio Torriana riunisce nel suo territorio tre borghi (i principali) ben distinti: Torriana, Montebello e Poggio Berni. È nato il 1° Gennaio 2014 dalla fusione dei comuni di Poggio Berni e Torriana e la sua sede comunale si trova nel borgo di Poggio Berni.

Borgo di Torriana

Scurghèda oppure e' bórg, in romagnolo, è un centro storicamente legato all'emigrazione italiana in direzione della Francia, specialmente verso la Lorena e prima di tutto verso il comune di Hussigny-Godbrange dove spiccato è infatti l'uso del dialetto romagnolo tanto da aver reso popolare il nome di Hussigny in francese come "Basse-Italie" - e in inglese "Hussigny-little Italy". Meritano sicuramente una visitail Castello di Saiano, il Castello di Scorticata e il Santuario- Eremo della Beata Vergine del Carmelo di Saiano, quest'ultima risalente al XIV con due affreschi del 1500 e una statua del XVI secolo.

Borgo di Montebello

Secondo una leggenda, il Castello di Montebello sarebbe abitato da un fantasma di Guendalina Malatesta, meglio conosciuta come Azzurrina. Il borgo è molto interessante anche da un punto di vista storico, le sue origini risalirebbero all'epoca preromana, sembra che i primi abitatori di questo sito fossero popolazioni celtiche e ai piedi della rupe, sembra esistesse un loro luogo di culto.

La torre a pianta quadrata è di epoca romana (III secolo), ora inserita nella struttura del castello. L'insediamento altomedievale successivo portò in eredità il nome latino Mons belli (Monte della guerra). Le prime notizie si hanno nel 1186, quando il castello venne venduto da Ugolinuccio di Maltalone a Giovanni Malatesta. I Malatesta dotarono il castello di fortificazioni, trovandosi al confine con il territorio dei Montefeltro, nemici storici della famiglia riminese. Nel 1393 i Montefeltro, con un audace colpo di mano, riuscirono ad espugnare la fortezza.

Nel 1438 Sigismondo Pandolfo Malatesta riuscì a riconquistarla. Ma la fortuna militare del Malatesta declinò fino a quando, nel 1462, venne sconfitto a Pian della Marotta, presso Senigallia, per mano dell'esercito pontificio inviato da Papa Pio II (Piccolomini) e guidato da Federico da Montefeltro. In seguito alla sconfitta, Montebello fu infeudata nel 1464, dai conti Guidi di Bagno. Da allora la famiglia dei conti Guidi è tuttora proprietaria della Rocca. Dopo il Cinquecento la fortezza subì degli interventi per adattarla a dimora nobiliare. Rispetto alla struttura del 1464, i Guidi hanno ristrutturato un'intera ala del castello ad ala nobile.

Tra il 1968 e il 1973, il castello ha subito un grande intervento di restauro per ripristinare la rocca dagli ingenti danni dei bombardamenti della Seconda guerra mondiale ed è poi diventato un museo a partire dal 1989. Dallo stesso 1989 è aperto ai visitatori ed è inserito tra i monumenti di patrimonio nazionale italiano per il suo alto valore storico.

Borgo di Poggio Berni

L'origine del nome (E Póz in romagnolo) è latina: Podium Hibernorum significa letteralmente "Podio degli accampamenti invernali", infatti sul poggio vi era un accampamento militare romano invernale.

Durante il Medioevo fu feudo dei Malatesta seguendone le sorti e vicende. E dalla nobile famiglia fu fortificato a dovere. Nel 1600 passò di mano: a reggere le sorti del verde borgo fu la famiglia toscana dei principi Montemaggi, passati alla storia per la loro umanità. Fu tale don Sebastiano ad adoperarsi con i gran duchi per fornire alle ragazze povere da marito un'adeguata dote. A don Giacomo, invece, l'altruistico interessamento per rendere meno disumana la prigionia ai carcerati rinchiusi nelle grotte piene d'acqua.

Nel 1763 fu acquistato da papa Clemente XIII ed entrò a far parte dello Stato Pontificio (Legazione di Romagna). Nel 1816, con la suddivisione del territorio romagnolo in due Legazioni, fu assegnata alla Legazione di Forlì. Con il plebiscito del marzo 1860 Poggio Berni entrò a far parte del Regno di Sardegna, che l'anno dopo divenne Regno d'Italia.

Poco è rimasto del castello medievale fortificato nel 1335 dai Malatesta. Svetta, invece, sapientemente restaurato il quattrocentesco Palazzo Marcosanti, un tempo fattoria fortificata. Con la "tomba" Palazzo Tosi offre agli occhi dei turisti due splendidi esempi, seppure di epoche diverse, di architettura del passato.

Sempre lungo il Marecchia, i tre mulini, esemplari ben conservati di un'arte, quella molitoria con le pale ad acqua, in via di estinzione.

Comune di Poggio Torriana
Provincia di Rimini
Regione Emilia Romagna

Abitanti: 5.200
Altitudine centro: 155 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città del miele
Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli di Rimini
Unione Valmarecchia

Comune di Poggio Torriana
Via Roma 25, località Poggio Berni - Poggio Torriana (RN)
Tel. +39 0541 629701

Pro Loco Torriana e Montebello

Pro Loco Poggio Berni

La leggenda del fantasma di Azzurrina del castello di Montebello

La misteriosa scomparsa di una bambina “diversa” divenuta leggenda con il passare dei secoli, e che ancora fa parlare di se

Prossimi eventi o in corso

Eventi passati

  • Focherina di San Giuseppe: bentornata primavera
    18-03-2018
    Festival

    La manifestazione si svolge presso il Teatro Aperto. In caso di maltempo sarà posticipato a sabato 24 marzo.

  • Pink Floyd Tribute Band
    21-07-2018
    Concerti

COMMENTI :