Borghi magazine ~ Alla scoperta dei tesori e delle eccellenze italiane

© 2018 - Tutti diritti riservati

Aliano

Aliano

Uno sguardo a Aliano

Aliano
Paki Cassano

Aliano
Paki Cassano

Aliano, libri di Albino Pierro
Paki Cassano

Aliano, vista dalla casa di Carlo Levi
Paki Cassano

Aliano, stanza di Albino Pierro
Paki Cassano

Aliano, Pinacoteca Carlo Levi
Paki Cassano

Aliano, le maschere cornute
Apt Basilicata

Aliano
Apt Basilicata

Aliano
Apt Basilicata

Aliano
Apt Basilicata

Aliano, Casa Carlo Levi
Apt Basilicata

Aliano, Calanchi e Cavalli
Apt Basilicata

Il borgo di Aliano è il luogo in cui fu confinato lo scrittore Carlo Levi che ivi si fece seppellire, in Basilicata. Il suo territorio è caratterizzato dal tipico paesaggio dei calanchi.

Il nome del borgo deriva dal latino Praedium Allianum, cioè podere di Allius, gentilizio romano. Data la vicinanza ai fiumi Agri e Sinni, sin dall'antichità fu centro importante di scambi tra la civiltà greca, etrusca ed enotria. I primi testi in cui viene ufficialmente citato Aliano sono datati al 1060, anno in cui risale una bolla papale che attribuiva al vescovo di Tricarico l'amministrazione del borgo. Nell'VIII secolo le diverse grotte scavate nelle rocce sedimentarie di origine alluvionale ubicate nella zona di fosso San Lorenzo, già abitate in età preistorica, ospitarono numerosi monaci basiliani sfuggiti alle persecuzioni iconoclaste in Oriente. In epoca medioevale Aliano fu feudo di diverse famiglie, tra cui i Sanseverino, i Carafa ed i Colonna.

Nella storia recente di questo piccolo centro non si può non ricordare lo scrittore Carlo Levi che qui ambientò il libro Cristo si è fermato a Eboli (1945). Levi durante il regime fascista, negli anni 1935-36 fu condannato al confino in Lucania a causa della sua attività antifascista e trascorse un lungo periodo in Basilicata, prima a Grassano e successivamente ad Aliano (che nel libro viene chiamata Gagliano, imitando la pronuncia locale), dove ebbe modo di conoscere la realtà di quelle terre e della sua gente. Lo scrittore nelle sue ultime volontà espresse quella di essere seppellito ad Aliano "tra i suoi contadini". Nel paese sono ancora intatti tutti i luoghi descritti nel romanzo e nei vicoli sono impresse alcune frasi simbolo del libro. Levi ebbe qui l'occasione di scoprire un'altra Italia che era, appunto, quella contadina del Mezzogiorno.

Numerose sono le iniziative legate al Parco letterario Carlo Levi, in particolare i viaggi sentimentali nei luoghi legati al confino dello scrittore, e giornate di degustazione di prodotti tipici. Di grande rilievo il festival della paesologia, diretto da Franco Arminio. Ad Aliano si svolge inoltre il Premio letterario nazionale Carlo Levi. Con ricorrenza annuale si svolge all'interno del centro storico di Aliano e lungo i suoi suggestivi percorsi espositivi, il Festival dell'Antropologia.

L'economia si fonda soprattutto sull'agricoltura e la pastorizia; l'abitato infatti è circondato da piantagioni di ulivo che rendono fiorente la produzione di olio d'oliva, da frutteti (in particolare pescheti e agrumeti), e vi si pratica l'allevamento caprino e ovino. La presenza di resti archeologici neolitici e la tomba di Carlo Levi rendono il paese importante dal punto di vista turistico-culturale. Infatti per le vie sono incisi brani del libro Cristo si è fermato ad Eboli e la dimora e i luoghi narrati nel libro sono rimasti intatti.

Il Carnevale di Aliano è uno dei carnevali della tradizione lucana. Il giorno del Martedì Grasso, ogni anno, singolari figure si aggirano per le stradine di Aliano, sono le Maschere “cornute” che rievocano creature demoniache e goffe, il cui carattere minaccioso è mitigato dai coloratissimi cappelloni che ne decorano il capo. Le maschere sono protagoniste di una commedia improvvisata, detta "Fras". Sfilano per il borgo muovendosi al suono di fisarmoniche e cupa cupa. Il Carnevale si articola in due giorni, la Domenica e il Martedì Grasso, nel corso dei quali si alternano sfilate a cui partecipano anche maschere dei paesi limitrofi e il palato è allietato da degustazioni di piatti tipici.

Comune di Aliano
Provincia di Matera
Regione Basilicata

Abitanti: 1.008
Altitudine centro: 555 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Borghi Autentici d'Italia
Paesi Bandiera Arancione
Città dell'olio

Comune di Aliano
Piazza Garibaldi 16 - 75010 Aliano (MT)
Tel. 0835-568038

Evocativa, ad Aliano, è anche la cucina, contadina, che esprime antiche tradizioni mai tramontate grazie a ricette secolari.

Nei piatti alianesi non manca mai come condimento l’olio di oliva, prodotto in molti paesi del materano, dal sapore un po’ fruttato e dal colore giallo oro, con riflessi verdi. Ottimo anche il vino da sorseggiare gustando gli insaccati di produzione locale.

Tra le tipicità si distinguono i “Frizzuu” che, secondo la tradizione contadina, si prepara con un filo di giunco attorno al quale si avvolge la pasta, che poi viene sfilata. Questa tipica pasta fatta a mano di condisce con formaggio pecorino, rafano, ragù di cotica e carne di maiale. Pare piacessero molto anche a Carlo Levi gli “Gliummrell”, interiora di agnello e capretto arrotolati con il budello e cotti alla brace.

Carnevale nei borghi. Gli eventi, le sfilate e le feste da non perdere a febbraio 2018

Una selezione di eventi nei nostri borghi dove poter festeggiare il carnevale 2018 tra tradizione, cultura, colori, feste, sfilate e molto altro!

Prossimi eventi o in corso

  • San Luigi Gonzaga
    Dal 21-06-2019
    Al 21-07-2019
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2019-06-21 2019-07-21 Europe/Rome San Luigi Gonzaga Aliano

Eventi passati

  • Giornata Nazionale de I Parchi Letterari al Parco Letterario Carlo Levi
    22-10-2017
    Escursioni

    Apertura gratuita dei Musei di Aliano e visita alla Casa Museo di Carlo Levi, alla Pinacoteca Carlo Levi, al Museo della Civiltà contadina, al Museo Paul Russotto.

  • Maschere “Cornute” di Aliano
    Dal 11-02-2018
    Al 13-02-2018
    Carnevale

    Le maschere sono protagoniste di una commedia improvvisata, detta “Fras”. Esse rievocano creature demoniache e goffe.

  • Festa della Paesologia
    Dal 22-08-2018
    Al 26-08-2018
    Festival

    Più spazio all’immaginazione e all’impensato.

COMMENTI :