Borghi magazine ~ Alla scoperta dei tesori e delle eccellenze italiane

© 2017 - Tutti diritti riservati
Questo sito utilizza cookie. Cliccando su o proseguendo nella navigazione o effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Peratallada: Pietre chiare e giardini di ortensie

Peratallada: Pietre chiare e giardini di ortensie

Peratallada, provincia di Girona,Spagna


Questo è il racconto di un viaggio fatto in una giornata estiva di caldo impietoso. Siamo in Catalogna, nella provincia di Girona, nella comarca (unione di comuni) del Baix Empordà. Avevamo il mare molto vicino ma l’assurdo traffico verso la costa ci ha scoraggiato dall’andare in quella direzione. Rinunciando a vedere Calella de Palafrugell, scelta come nostra destinazione marina perché non ha alle spalle i palazzoni informi della Costa Brava, abbiamo scoperto nell’entroterra questo borgo, anch’esso frequentato dai turisti «mordi e fuggi», ma molto più umano del carnaio costiero.

sele6

Una roccia consunta dalle erosioni, una «pietra tagliata», ha accolto le fondamenta e dato il nome a Peratallada. Il borgo, compreso nel comune di Forallac, è considerato un luogo turistico di prim’ordine. Giriamo un po’ tra i molti ristorantini con piacevoli patii interni fino a scegliere il nostro, che si chiama El Pati, Il Patio.

Appena fuori del borgo notiamo una meraviglia: la chiesa romanica di Sant Esteve (Santo Stefano, XIII secolo) con la sua facciata chiara sormontata da una strana - ma diffusa nella regione – torre campanaria a pettine, cioè traforata, che sembra dare sul nulla. Intorno, c’è solo il cielo.

selez1 

Un paese gentile

Un affaccio sul vuoto è anche il Portal de la Virgen, l’unica delle antiche porte d’accesso rimasta nelle mura di Peratallada. Le fortificazioni, tra le più importanti della Catalogna, comprendevano tre cinte murarie con torri e fossati scavati nella roccia. All’interno della cortina muraria principale stava il castello di cui si ha notizia dal 1065. L’elemento che cattura subito l’attenzione nel borgo è la Torre del Homenaje con i suoi merli quadrati, sopravvissuta insieme con altre tre a base quadrata e una a base circolare.

selez8

Ci s’inganna se si pensa di vedere qui solo torri, fossi, muri sbrecciati, muraglie. Il villaggio odierno ha un’aria gentile, per via della pietra chiara che quasi si sfarina nel sole, creando un pulviscolo dorato capace di rendere certi angoli quasi africani: viene in mente il Marocco davanti a un grande palazzo color ocra, chiuso da un muro che ha una fontana davanti e una palma dietro.

selez4bis

Gentile, Peratallada lo è anche per le piante e i fiori disposti dagli abitanti lungo le stradine selciate: giardini di ortensie che cantano nel vasto chiarore mediterraneo. In Carrer de la Roca, le pietre si potrebbero contare una a una. Le case, addossate contro la parete interna delle mura, assecondano la natura del terreno, formando un’unica strada in pendenza che sfocia in una piazzetta. Dall’alto si scorge la baia di Roses.

selez3

Plaça Major, a sud del castello, è un altro di quegli spazi che non si dimenticano. Fiancheggiata da portici, offre nella varietà degli archi e delle finestre un compendio di stile gotico regionale.   

ALTRE IN BORGHI ALTROVE :
"Andar per borghi" è un piacere. Prova!